Ogliastra

Pin It
L’Ogliastra è una delle province sarde più selvagge e per adesso meno contaminate dal turismo di massa, tra borghi e natura intatti, fino alle magnifiche spiagge, tra le più belle della Sardegna.

In Ogliastra potrete incontrare baie rocciose e lunghe distese di sabbia a pochissima distanza da boschi verdissimi e piccoli borghi dove il tempo sembra essersi fermato. Chissà perchè se la sono dimenticata: nessun albergo di superlusso per veline o calciatori, nessun villone sul mare. Eppure qui non manca niente: acqua smeraldo, belle case da affittare ed hotel di qualità. Per ritrovare se stessi.

L’Ogliastra si stende tra mare e terra sino alle pendici del Gennargentu, il comprensorio montano del Supramonte e la foce del Flumendosa. Qui potrete passare da bellissime spiagge ad escursioni nei boschi in meno di venti minuti d’automobile. Una varietà paesaggistica veramente affascinante che è il punto forte dell’Ogliastra ma ne diventa anche il punto debole se si guarda alla tortuosità delle sue strade ed alla difficoltà di raggiungerla. Tale difficoltà è stata superata da poco con la realizzazione della superstrada fino a Cagliari che ne ha rotto un po’ l’isolamento ma ha aperto le porte per un più veloce sviluppo della zona. Infatti l’Ogliastra è stata sempre considerata un po’ una specie di isola dentro l’isola, una terra felice dove si fa un fantastico vino Cannonau, ottimi formaggi e dove il mare è semplicemente un sogno.

Le Spiagge dell’Ogliastra

La costa dell’Ogliastra alterna distese di sabbia finissima a strapiombi vertiginosi, baie spettacolari e spiagge chilometriche. Una varietà di proposte che accontenterà veramente tutti. Partendo da nord, più o meno dalla metà del Golfo di Orosei, iniziano le calette, le anse rocciose, i minuscoli fiordi che nascondono grotte e piccolissime spiaggette. Il più famoso degli anfratti, la Grotta del Bue Marino, si trova sud di Cala Gonone.
Seguono: Cala Luna, Cala Sisine, Cala Biriola, Cala Mariolu ed infine la bellissima Cala Goloritzè con l’acqua che raggiunge colori d’incanto.

Doppiato Capo Monte Santo si raggiunge l’arenile di Pedralonga con il suo pinnacolo di chiaro calcare ed una torre saracena. Si arriva quindi al paese di Santa Maria Navarrese davanti al quale emerge il grande scoglio chiamato semplicemente Isolotto dell’Ogliastra.

Superato poi l’insediamento portuale di Arbatax, Punta Frailis, San Gemiliano e Orrì offrono piccole spiagge giocate fra sabbia e roccia rossastra. Si arriva quindi alle sterminate spiagge di Cea e di Marina di Bari Sardo separate da una torre saracena. Qui anche in Agosto incredibilmente il numero dei bagnanti non è mai elevato: secondo noi sono tra le spiagge più belle di tutta la Sardegna. Il nastro sabbioso prosegue poi a Museddu e a Perda Pera, poi ancora a sud fino a Marina di Gairo, a Su Sirboni e Coccorocci. Il confine meridionale è Foxi Manna.

Specialità gastronomiche

L’Ogliastra è la terra d’origine di due capisaldi dei sapori sardi: il vino Cannonau, rosso sanguigno ed aromatico, e i culurgiones, tortelli abbondanti sia per dimensione che per sostanza. In Ogliastra si producono poi anche ottimi vini bianchi e rosati oltre che distillati e liquori di mirto, corbezzolo ed altri frutti selvatici. Molto famoso anche il Prosciutto di Urzolei, Villagrande e Talana.
Tra gli altri salumi: guanciale, spalla, capocollo, tutti da gustare con il pane pistoccu, versione un po’ più corposa del pane carasau.

Per quanto riguarda i pesci si trovano: gamberoni e crostacei, orate, branzini, cozze e vongole, seppie e scampi ma anche le anguille pescate negli stagni di Tortoli e la preziosa bottarga di muggine. Non si possono dimenticare i fantastici formaggi specialmente di pecora e di capra, nelle varie stagionature e aromatizzazioni da trovare a Cardedu e Tertenia. Per la pasta, oltre ai già citati culurgiones, una citazione la merita anche la fregula, versione sarda del couscous maghrebino, condita con pesce. Ci sono poi i maccaronis de busa, i bucatini fatti a mano con un ferro da calza, conditi spesso con ragù di pecora.

Poco ma ottimo l’olio d’oliva, pregiato il miele ricavato da fiori selvatici d’arancio, eucalipto, cardo e corbezzolo.

Dove Mangiare

Ci permettiamo di consigliarvi alcuni luoghi dove assaggiare le squisite prelibatezze dell’Ogliastra.

Cooperativa Pescatori Tortoli – Ittiturismo La Peschiera

Loc. Peschiera San Giovanni, Riva di Ponente, Spiaggia Cartiera, Tortoli-Arbatax (OG). Telefono: 0782.664415
Il Ristorante dell’Ittiturismo è gestito dalla Cooperativa Pescatori di Tortolì, allestito sotto grandi tende e incannucciati nel bel mezzo di un mosaico di vasconi e canali.
Il menù, fisso, è abbondantissimo: antipasti di pesce, bottarga di muggine, vongole, cozze, grigliate di orate e spigole, fritto misto e gamberoni. In più: verdure, frutta, sorbetto, vino, caffè e mirto.
Un’esperienza da provare assolutamente.
In piena estate la prenotazione è obbligatoria e comunque sempre vivamente consigliata.

Ristorante il Bosco

Loc. Parco Santa Barbara, Villagrande Strisaili (OG), tel: 0782.32505
Cucina rustica, quasi nuragica, quella proposta e magistralmente eseguita al Ristorante Il Bosco.
Siamo a 900 metri d’altezza, nel bel mezzo di un fitto bosco di lecci in località Santa Barbara, alle falde del Gennargentu.
A tavola arrivano i piatti di salumi: prosciutto crudo, salsiccia, guanciale.
A seguire degli squisiti Culurgiones oppure tagliatelle ai porcini.
Immancabile dopo il porceddu, uno dei più buoni mai assaggiati, oppure arrosti di pecora e capretto.
A seguire dopo casu asedu e pecorini con il miele. I vini sono esclusivamente Cannonau o Vermentino d’Ogliastra.

Dove comprare

Cannonau

Il re del Cannonau è la cantina Antichi Poderi di Jerzu, cuore della regione che produce il famoso vino rosso. La bottiglia di Cannonau Josto Miglior è il fiore all’occhiello della casa vinicola che produce anche vermentini bianchi.
Antichi Poderi di Jerzu, Via Umberto I, Jerzu, telefono 0782.70028

Formaggi

Cooperativa Latteria Sociale Sant’Antonio, località San Pietro, Tertenia, tel. 0782.93390.
Prodotti ovini e caprini variamente stagionati, di ricotta e il “misto”, caciotta di pecora e capra. E il Casu Asedu usato per i culurgiones.

Hotel Consigliati

Marie Claire

Marie ClaireL'hotel a conduzione familiare Marie Claire occupa un nuovo edificio sito nel cuore di Lanusei, incantevole località circondata da paesaggi naturali [...]

Nonna Lelletta

Nonna LellettaSituato a Lanusei, il Nonna Lelletta offre un giardino, sistemazioni climatizzate, la colazione dolce al mattino e la connessione Wi-Fi gratuita nell' [...]

Hotel Villa Selene

Hotel Villa SeleneSituato a 700 metri di altitudine e caratterizzato da viste sul mare e sulla campagna circostante, l'Hotel Villa Selene è il punto di partenza ideale [...]

B&B Iradas Lanusei

B&B Iradas LanuseiDotato di giardino e di connessione Wi-Fi gratuita nell'intera struttura, il B&B Iradas Lanusei vanta camere nel centro di Lanusei, a 30 minuti di au [...]